Tag: relooking

Works

NORDIC XMAS

20 dicembre 2019

Un appartamento vecchia Milano diventa un luogo in stile Scandi, con colori accoglienti, pezzi di design e i decori della tradizione reinterpretati.

Foto Guido Barbagelata – Styling Studio Wunderlab

Blog, What We Love

POP LUX

5 dicembre 2017

Reinterpretazione post-moderna per la classica tanica per la benzina che diventa lampada. Le irriverenti PopLux sono nate dalle matita visionaria del designer argentino Ariel De Boni, in collaborazione con l’agenzia creativa Mobydick adv. La mise? Super pop, a righe o con le lettere dell’alfabeto, tutte coloratissime e personalizzabili. Si impilano, si appendono, si appoggiano … spazio alla fantasia luminosa.

Più info su PopLux

Blog, D.I.Y., Home sweet home

RÉTRO BASKET

24 novembre 2017

Direttamente dal baule della nonna o dai mercatini dell’usato, i classici centrini vintage rivivono con un twist. Delicate sfumature di colore dal cipria al rosa antico, fino al rame, vestono i pizzi trasformati in ciotola e sottopiatto. È tutto pronto per la mise en place interpretata alla WunderLab. Simply chic!

 

Photography, concept e styling Studio WunderLab.

D.I.Y., Fashion

LE SNEAKERS NEW LOOK

12 maggio 2017
stringhe diy

Questione di look e di stile. Trasforma il tuo tessuto preferito in stringhe per rendere protagoniste le tue sneakers. Liberty bon ton, sulle Bensimon alte… ed è subito glam. È questa la magia del fai-da-te! L’idea easy dedicata a chi è alle prime armi con ago e filo, per affrontare la vita… con il piede giusto!

Photography Andrea Baguzzi.

D.I.Y., Fashion

LE TOPPE GLAM

11 maggio 2017
Relooking

Dettano la moda del momento e impazzano tra le crafter più fashion. Le vecchie care toppe si sono rifatte il look e diventano accessorio glam. Non solo più per nascondere buchi o imperfezioni, le patch creano uno stile. Triangoli rosa fluo con l’immancabile tocco glitter per la nostra proposta di refashion della felpa con cappuccio con le toppe stirabili. Il DIY dell’ultimo minuto per l’SOS di stile.

Photography Andrea Baguzzi.